Guadagni sulle revisioni del questionario Internet


guadagni sulle revisioni del questionario Internet

Tale direttiva, comunemente detta direttiva ecommerce, è stata recepita in Italia a mezzo del decreto legislativo n. Analoga disciplina esiste negli USA. Purtroppo le industrie degli audiovisivi tendono a considerare la direttiva in questione come un ostacolo alla tutela dei propri interessi economici, per cui spesso citano in giudizio o addirittura denunciano gli intermediari, sulla base della considerazione che comunque essi siano responsabili dei contenuti immessi dagli utenti.

La conseguenza è sotto gli occhi di tutti, trattare la rete, e gli intermediari, come la stampa od un canale televisivo, porterebbe le aziende che operano in rete a selezionare i contenuti da pubblicare, per evitare di dover pagare i danni in casi di illeciti da parte degli utenti, e quindi guadagni sulle revisioni del questionario Internet avrebbe una notevole riduzione, se non addirittura la scomparsa, dei contenuti immessi dagli utenti user generated content.

Pensiamo, per comprendere le conseguenze, che la rete attuale è gran parte il risultato di idee nate da piccole realtà, poi divenute grandi, come la stessa Google.

guadagni sulle revisioni del questionario Internet

Adesso, in questo quadro, a 10 anni dalla direttiva ecommerce, la Commissione Europea apre una consultazione pubblica per la revisione della direttiva ecommerce, consultazione aperta a tutti che si chiuderà il 15 ottobre E' possibile partecipare anche rispondendo solo ad alcune delle 77 domande del questionario. Con la domanda n. È ovvio che tale procedura comporta non pochi problemi, il primo dei quali è stabilire quale tipo di segnalazione fa sorgere davvero un obbligo di rimozione, e nel caso si stabilisse che solo la segnalazione del titolare del presunto diritto leso comporta tale obbligo, come si dovrebbe verificare la sussistenza di tale titolarità.

guadagni sulle revisioni del questionario Internet

Ovviamente tale metodo di rimozione, che comporta una assunzione di responsabilità maggiori da parte dei provider, e che consente ai privati di determinare la rimozione di contenuti ritenuti a loro giudizio lesivi, quindi senza necessità di interventi di organi di garanzia come la magistratura, è ben visto dai grandi produttori che talvolta ne guadagni sulle revisioni del questionario Internet anche, dove è presente.

In genere, infatti, chi ne trae le spese è un cittadino qualunque che non ha né il tempo né i soldi per intentare causa al solo fine di far valere il diritto di esprimere le proprie opinioni.

guadagni sulle revisioni del questionario Internet

Anche tale interrogativo risulta fondamentale, perché qualunque attività di un intermediario fondamentalmente determina una gestione dei contenuti, e quindi una selezione in un certo qual senso. Ovviamente si tratta di verificare se quel tipo di selezione determina un venir meno delle esenzioni degli intermediari.

guadagni sulle revisioni del questionario Internet