Di cui 5 hanno hypertrading


di cui 5 hanno hypertrading

Intel sostiene che i suoi nuovi compilatori 7. NET e su future versioni di Linux. Intel afferma che i tipi di applicazione che sarà possibile sviluppare tramite questi compilatori comprendono i programmi commerciali orientati alle transazioni, le applicazioni finanziarie ad elaborazione intensiva e quelle tecniche e scientifiche, i programmi multimediali digitali, i videogiochi e gli effetti speciali.

di cui 5 hanno hypertrading

Anonimo Rispondi Re: se lo dice un win-maniac I server IBM supportano quello che vuole il cliente. Se il cliente vuole Win, quello avrà, se vuole Linux, idem.

L'obbiettivo di un venditore di hardware come IBM è fare in modo che il suo hardware offra la più ampia compatibilità possibile.

I suoi processori Intel Xeon hanno Hyper-Threading HT abilitato, quindi in realtà dovrebbero esserci 24 processi in esecuzione in parallelo per renderli pienamente utilizzati. Sembra che Hyper-Threading riduca solo le prestazioni per i nostri calcoli e non c'è modo di evitarlo. Il programma che usiamo per i calc è scritto in Fortran e compilato con gfortran. C'è un modo per renderlo più efficiente con questo pezzo di hardware? Aggiornamento: nostri calcoli Monte Carlo MCC sono in genere fatto in passi per evitare la perdita di dati e per altri motivi che non è sempre possibile evitare tali misure.

Chi farà concorrenza a cosa lo dirà solo il mercato, ed il fatto che IBM abbia scelto di aprirsi a Linux la dice lunga su cosa i suoi clienti gli hanno chiesto Non sono ancora riuscito a capire se quando si dice che un server verrà equipaggiato con un processore Power 4 si intenda solo il core composto da due unità di elaborazione oppure il particolare modulo che contiene ben quattro core intimamente interconnessi a formare un sistema quadriprocessore?

Inoltre mi domando come viene visto dal sistema operativo un processore del genere; come un sistema a quatto vie o otto?

di cui 5 hanno hypertrading